Per ottimizzare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione si autorizza l'uso dei cookies. Maggiori informazioni  
Accetto

Servizi Residenziali non autosufficienti BIA

Servizio di accoglienza a Bassa Intensità Assistenziale

una veduta della struttura
Il Servizio di Accoglienza a Bassa Intensità Assistenziale (BIA) è un modulo sperimentale autorizzato dalla Regione Toscana con Deliberazione della Giunta Regionale nr. 594 del 21/07/2014.
Il servizio BIA, per cui è previsto un accesso definitivo o temporaneo, è attivo presso la RSA Principe Abamelek (con 12 posti letto) situata in Via delle Bagnese a Firenze.

Gli ospiti non autosufficienti verranno accolti negli attuali 12 posti della RA, in 6 camere doppie con bagno, saranno convertiti in Modulo Sperimentale BIA con spazi, locali e servizi dotati di adeguati requisiti tecnologici previsti dalla normativa regionale, in grado di garantire la sicurezza e comfort. L’organizzazione degli spazi favorisce il massimo della fruibilità e della privacy con particolare riferimento al mantenimento e miglioramento delle capacità residue.
 
Il Principe Abamelek dispone di:
  • sale per attività socio-educative e di animazione;
  • sala multifunzionale (dotata di TV);
  • palestra;
  • ambulatorio infermieristico;
  • refettorio;
  • un ampio giardino;
  • cucinette di reparto;
  • sale pranzo/soggiorno;
  • locali attrezzati per i bagni assistiti.
Agli ospiti viene garantito un servizio di assistenza socio-sanitaria secondo i parametri previsti dalla normativa regionale vigente in materia, programmata tramite il piano di assistenza individualizzato, redatto dall'equipe multiprofessionale successivamente l'ammissione in residenza, verificato semestralmente e ogni volta che se ne individui la necessità in relazione al mutare dello stato di salute.

In particolare vengono garantite le seguenti prestazioni:
  • assistenza infermieristica;
  • assistenza tutelare;
  • assistenza medico-specialistica da parte di un medico geriatra (solo per il Modulo Alzheimer);
  • servizio di riabilitazione motoria estensiva, finalizzato al recupero e/o mantenimento di funzionalità motorie più o meno compromesse;
  • attività socio-educative e di animazione anche in collegamento con il territorio;
  • fornitura di presidi sanitari non dovuti da enti terzi;
  • vitto - secondo tabelle dietetiche approvate dal Servizio Dietetico dell’A.S.L. 10 di Firenze;
  • servizio di parrucchiere e pedicure;
  • assistenza religiosa, nel rispetto delle convinzioni e pratiche religiose individuali;
  • lavaggio biancheria piana e personale (intima);
  • servizio di lavanderia (a pagamento).
La sperimentazione regionale prevede che l'assistenza alla persona nell'arco delle 24 ore venga garantita in collegamento con l'adiacente RSA.

L’assistenza medica è garantita come proiezione del territorio e viene effettuata dai Medici di Medicina generale nell’ambito del servizio di assistenza programmata. Gli orari di presenza dei medici sono disponibili presso l’infermeria di ogni reparto.

Il Modulo BIA è convenzionato con il Comune e l’Azienda Sanitaria di Firenze: è possibile accedervi sia in regime convenzionale che in regime privatistico.

  • Nel caso di prestazioni in regime di convenzione: l’accesso alle medesime avviene in seguito all’istruttoria effettuata dai servizi sociali competenti per territorio rispetto alla residenza dell’utente, che effettuano una valutazione del soggetto, esaminandone non solo le condizioni fisiche, ma anche il contesto sociale e le condizioni economiche. Sulla base di questa valutazione la domanda viene inserita in liste di attesa unificate gestite a livello centrale dall’Amministrazione Comunale e dall’Azienda Sanitaria; pertanto i tempi di attesa variano a seconda del numero di utenti inseriti in lista e della velocità di scorrimento della stessa.
  • Nel caso di prestazioni in regime totalmente privatistico: l’interessato si rivolge al Servizio Socio Assistenziale per la domanda di prenotazione.

L'ammissione avviene previo colloquio con l' utente e/o i suoi familiari, al quale segue una valutazione per verificare il possesso dei requisiti per l' accesso nella struttura, nel corso della quale vengono raccolte tutte le notizie di carattere sociale, assistenziale e sanitario utili a predisporre l' accoglienza in struttura.

Il Servizio Bia è dedicato agli anziani valutati dalla UVM non autosufficienti in almeno una o due attività di base della vita quotidiana (BADL), anche con presenza di deficit cognitivo lieve o moderato e/o lievi o moderati disturbi del comportamento/umore, la cui situazione ambientale e familiare non consente la definizione di un progetto assistenziale personalizzato domiciliare. I livelli di isogravità appropriati per questo profilo di utenza vanno da uno a tre, con caratteristiche di adeguatezza ambientale e presenza di una scarsa rete familiare.

La retta giornaliera per il Modulo BIA si compone di una quota sociale ed una quota sanitaria, che viene erogata seconde le misure previste dalle vigenti normative regionali, che prevedono l’articolazione delle residenze in nuclei destinati all’accoglienza di soggetti con diverso carico assistenziale.

  • Nel caso di inserimenti in regime di convenzione la quota sociale può essere parzialmente a carico dell’utente, nella misura determinata secondo le regole stabilite dall’apposito Regolamento Comunale che tengono conto della condizione economico-patrimoniale del soggetto assistito e del nucleo familiare collegato ove obbligato alla contribuzione, e per la restante parte è a carico dell’ Amministrazione Comunale fiorentina. La quota sanitaria è invece sempre a carico dell’Azienda Sanitaria di Firenze.

 

  • Nel caso di prestazioni in regime privatistico sia la quota sociale che la quota sanitaria sono totalmente a carico dell’utente assistito.

Prima dell’ingresso in struttura l’utente deve versare un deposito cauzionale a garanzia, pari a 30 volte la quota giornaliera a proprio carico. Detto deposito verrà restituito al momento della cessazione del rapporto di ospitalità. Alla retta giornaliera debbono essere aggiunte le quote dovute all’eventuale acquisto di farmaci non rientranti fra quelli forniti gratuitamente dal S.S.N. e l’eventuale rimborso del servizio di lavaggio degli indumenti personali, nel caso che il soggetto abbia incaricato la struttura di provvedere a ciò, secondo il tariffario che viene consegnato all’utente al momento del suo ingresso.

  • Costi per Principe Abamelek (per n. 12 posti letto)
UTENTE/COMUNE
(QUOTA SOCIALE)
ASL
(QUOTA SANITARIA)
TOTALE
48,10 € 33,59 € 81,69 €

STRUTTURE CORRELATE